Convento San Giacomo

Strada dei Cappuccini 38 - Amelia (Tr)

0744 988160 - 320 7513885

Le Famiglie in Fraternità hanno un angelo in cielo...

Arrivederci Silvia!

 

Il 17 Agosto 2017, al Signore Gesù è piaciuto raccogliere un fiore prezioso del suo giardino terrestre: Silvia Barcherini, nostra sorella e amica, giovane mamma e sposa.

Noi tutti della Fraternità Vocazionista, Gruppo "Famiglie in Fraternità" e Comunità parrocchiale S. Francesco, non ti dimenticheremo mai.

Ringraziamo il Signore, nostro Re, per averci donato il privilegio di conoscerti e di amarti, per la tua semplicità di cuore, per i tuoi saggi silenzi e per i tuoi gioiosi sorrisi.

Grazie per il dono che hai lasciato a tutti noi, per il piccolo Giosuè che sarà sempre parte di te e segno di speranza per i nostri cuori.

Tu, cara sorella, non sei più con noi nella carne, ma sappiamo con certezza che intercedi per noi davanti al trono di Dio e, con la tua affabilità e carità, saprai strappare grazie in abbondanza per tutti al cuore di Dio con il quale resterai in eterno nella pace.



da Umbriaon

Mesto addio a Silvia: «Morte inspiegabile»

Terni, le toccanti parole con cui padre Mauro ha salutato a Porchiano del Monte la sfortunata giovane mamma deceduta di parto

 

23 Ago 2017

Tanta, tantissima gente, quella che ha raggiunto Porchiano del Monte per dare l’ultimo saluto a Silvia Barcherini...


La cerimonia La camera ardente, che è stata pellegrinaggio di innumerevoli visite, era stata allestita nella piccola chiesa di Santa Cristina, ma la messa è stata celebrata all’aperto, nel parco antistante la chiesa. La stessa nella quale il 13 giugno di due anni fa Silvia si unì in matrimonio con Luca.

Omelia toccante Una cerimonia toccante, quella dell’addio a Silvia. Dove un’intera comunità si è stretta attorno ai familiari della giovane, in un abbraccio commosso, intenso e che apre la speranza a quanto questa gente potrà fare per la sua famiglia e per il suo piccolo. «Desidero far parlare il mio cuore – ha detto padre Mauro nella sua omelia – e mi rivolgono a te, Silvia, perché sono certo che mi stai ascoltando. È difficile anche per me, sacerdote, capire una morte così improvvisa e inaspettata. Ciò che doveva essere un motivo di gioia si è trasformato in un brutto incubo per noi. In questi giorni, Silvia, la nostra mente si è dispersa in molteplici interrogativi. E tutti ci siamo chiesti ‘perché’, perché è avvenuto che un banalissimo parto, è diventato fatale per te? Perché una madre non ha potuto né mai vedere né stringere fra le sue braccia il suo piccolo bambino? Oggi viene messa a dura prova anche la nostra fede, perché Dio ha permesso tutto ciò? Che male ha fatto Silvia? Sono domande a cui è difficile rispondere ora. Ti chiediamo una sola cosa: aiutaci a trovare consolazione nel Signore in questo momento, perché noi tutti sentiamo forte il grido di Gesù sulla Croce: ‘Dio mio, perché ci hai abbandonato?’».



La Parola che portavi nel cuore...

Con questa Parola di Dio volesti sigillare il tuo amore per Luca, tuo sposo terreno nel giorno del tuo matrimonio. Attraverso questa Parola hai voluto lasciarci il tuo identikit e la dolce natura della tua anima... 


Dal Libro di Giuditta (13, 17-20; 15,9)

«Benedetta sei tu, figlia, davanti al Dio altissimo
più di tutte le donne che vivono sulla terra
e benedetto il Signore Dio che ha creato il cielo e la terra
e ti ha guidato a troncare la testa del capo dei nostri nemici.
Davvero il coraggio che hai avuto
non cadrà dal cuore degli uomini,
che ricorderanno sempre la potenza di Dio.
Dio faccia riuscire questa impresa a tua perenne esaltazione,
ricolmandoti di beni,
in riconoscimento della prontezza con cui hai esposto la vita
di fronte all'umiliazione della nostra stirpe,
e hai sollevato il nostro abbattimento,
comportandoti rettamente davanti al nostro Dio».
E tutto il popolo esclamò: « Amen! Amen! ».

Appena furono entrati in casa sua, tutti insieme le rivolsero
parole di benedizione ed esclamarono:
« Tu sei la gloria di Gerusalemme
tu magnifico vanto d'Israele,
tu splendido onore della nostra gente ».

prev next